Sì. Gli psicologi sono tenuti a rispettare il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani.

In esso, tra le altre cose, sono contenute le norme relative al consenso informato e alla segretezza dei contenuti dei colloqui.